Previsione per 27/11
Prognoza za 27/11
6 / 11



Percorso turistico - ricreativo “Delle colonne di pietra”

Il territorio del comune di Novi Vinodolski, ossia quell’area boschiva attorno a quattro centri abitati principali (Bribir, Drivenik, Grižane-Belgrad e Tribalj), è stretto da un percorso circolare chiamato “Percorso delle colonne di pietra” (o “dei gradini di pietra”).

Alludiamo a quell’itinerario che inizia e termina al centro di Grižane. Lungo circa 4,5 chilometri, conta circa 1300 gradini scolpiti nella nuda roccia. È costeggiato da tanti beni storico-culturali e da un gran numero di pareti per l’arrampicata. Al suo carattere turistico, esso unisce anche l’aspetto sportivo-ricreativo, offrendo a chiunque lo percorra interessanti storie del suo recente passato, quando era la principale via di comunicazione tra le aree boschive ed i quattro centri abitati succitati. Per questa via gli abitanti dei paesi della vallata del Vinodol portavano nell’entroterra uva, fichi e ciliegie, e, durante la Seconda guerra mondiale, anche il sale, che scambiavano nel Gorski kotar con il grano, le patate ed i fagioli. Lungo il percorso sono ancora chiaramente visibili alcune panchine di pietra sulle quali la gente, che quotidianamente copriva questa via di scambi commerciali, era solita riprendere il fiato.
Il percorso attraversa anche il villaggio di Gobići, dove nacque il celebre pittore miniaturista croato Juraj Julije Klović (Giorgio Giulio Clovio, 1498-1578), noto in tutto il mondo come il “Michelangelo delle miniature”. Visitato il paesino, la via s’inerpica sino a raggiungere un crepaccio sul monte Klamaruša e due sue suggestive grotte. Sbucata in cima alla montagna a 500 m s.l.d.m., si collega all’esistente via montana Litica per fare ritorno, sull’altro versante del monte, al punto di partenza, cioè al paese di Grižane, dove questa escursione didattico – ricreativa era iniziata. 

Per maggiori informazioni, visitate il dépliant «Hiking tracks and promenades»

Gli occhi sulla valle di Vinodol: una veduta da sei belvedere

Gli occhi sulla valle di Vinodol: una veduta da sei belvedere.

Per maggiori informazioni, visitate il dépliant «Hiking tracks and promenades»


Passeggiate e percorsi ciclabili a Novi Vinodolski

There are over 300 kilometres of marked cycling paths extending from the sea, through Vinodol to the forest area.

There are six paths in total, each marked in its own colour and they differ by difficulty, length, and ascent steepness. Something for everyone! The easiest one is the recreational Blue, Sull’area di Novi Vinodolski segnaliamo la presenza di oltre 300 chilometri di percorsi ciclabili che, dipanandosi dal mare, attraversano la vallata di Vinodol e raggiungono l’area boschiva interna.
I percorsi sono sei in tutto, distinti per colore, livello di difficoltà, lunghezza e dislivello altimetrico. Per tutti i gusti, insomma! Quello più agevole è il Percorso blu, lungo 38 chilometri, col punto più alto a 250 m s.l.d.m. Il Percorso verde (detto anche Sportivo e lungo 74 chilometri) è anche quello più impegnativo, con una salita che s’inerpica sino a 912 m s.l.d.m. Il Percorso marrone è un circuito lungo 50 chilometri che inizia e finisce a Novi Vinodolski. Il percorso Karmin, detto anche Percorso dei gigli, è lungo 44 chilometri ed entusiasma con la vista panoramica dalla cima della Velika Kapela, un’incantevole veduta che abbraccia il mare, la costa, le isole di Krk (Veglia), Cres (Cherso) e Lošinj (Lussino), l’Istria e la montagna del Velebit. Lungo i margini del percorso potrete ammirare campi di gigli di carniola (lilium carniolicum), una specie floreale protetta. Il Percorso viola è lungo 56 chilometri, quello Giallo (detto anche della Vista), invece, è lungo 48 chilometri.
Tutti gli itinerari ciclabili attraversano la magnifica natura incontaminata della vallata di Vinodol ed il suo entroterra boscoso, regalando ad ogni cicloturista, indipendentemente dal percorso scelto, le splendide immagini dei suoi paesaggi. L’intera area è attraversata anche da un gran numero di sentieri che collegano un po’ tutte le località turistiche della zona: basti pensare al Percorso delle onde, che unisce Novi Vinodolski a Jadranovo, ma anche a quei sentieri che s’inerpicano sui colli circostanti e che premiano lo sforzo di chi li percorre con il più bello dei regali: una vista mozzafiato!  

Per maggiori informazioni, visitate i dépliant:

«Hiking tracks and promenades»

«In bicicletta lungo il Quarnaro»

 


La stradina degli innamorati

Sebbene, a prima vista, affascini col suo stesso nome, la Stradina degli innamorati (o dell’amore) non conquista soltanto col suo nome, ma anche con la bellezza dei paesaggi che attraversa. Questo percorso didattico che collega la città di Crikvenica con il suo immediato entroterra – ossia con la verde vallata di Vinodol – vanta anche tanti beni storico – culturali di rilievo.
Il nome “Stradina degli innamorati” è probabilmente nato negli anni Trenta del secolo scorso, quando era frequentata da tante coppie in cerca d’un po’ d’intimità nel suo romantico ambiente.
Forse realizzata dall’ing. Ante Premužić, soddisfa le attese di chi ama passeggiare all’ombra dei pini e dell’aromatica macchia mediterranea; di chi ama la storia, con la fortezza tardo romanica di Badanj; di chi ama i paesaggi, con la vista sulla valle di Vinodol, sul Quarnero e sul Canale del Velebit. Grazie al suo nome, però, resta pur sempre una delle mete preferite dagli innamorati.  

Per maggiori informazioni, visitate il dépliant «Hiking tracks and promenades»